STORIE PORNO
STORIE PORNO
I migliori racconti porno
amatoriali online!!
Un incontro carnale ma non troppoUltimo dell'anno 2013il telefono squillaScopata davanti ai miei occhiL'intrusola porca calda mi fa cornuto da 20 anniQuella in volta in spiaggia (nudisti)Troia
Nick: Password:

Pubblica la tua storia!
CLICCA QUI!!
Iscriviti alla newsletter!



Per ricevere tutte le nuove storie!!

io, mia sorella e mia zia...
Scritta da: fantasypervoi (13)

Dopo quella giornata di sesso passato in camera mia, mia sorella Tatiana è partita per delle sfilate in america e ho dovuto aspettare parecchie settimane, prima che tornasse a lenire la mia voglia del suo corpo.
Nel frattempo le mie voglie erano molto forti e la mia depravazione cresceva.
Adesso avevo puntato gli occhi sulla moglie di mio zio.
Sapevo che era una donna molto gelosa e che molte volte aveva detto davanti a tutti noi, che se avesse mai saputo di un suo eventuale tradimento, gli e la avrebbe fatta pagare con la stessa moneta, ma mille volte superiore come tradimento.
Questa idea mi frullava da diversi giorni e così, un giorno che le palle mi scoppiavano dalla voglia di venire, chiamai Barbara.
Barbara è una stupenda ragazza di 36 anni, che fa un casino di palestra per sentirsi all’altezza del suo maritino.
Senza figli, ha sempre dedicato il suo tempo alla casa e a curarsi.
Bionda, occhi azzurri, viso delicato, con due labbra troppo carnose in proporzione, di quelle labbra che ti fanno subito pensare a come sarebbe bello metterci in bocca un bel cazzo.
Alta 1,65, seno ben dritto, per merito anche d’ una operazione fatta e un sedere che parla, talmente è invitante quando lo fa ondeggiare.
Insomma per me che ho 19 anni è il massimo della libidine riuscire a farci sesso.
La chiamo e le dico che devo farle vedere una cosa, organizzo un incontro il giorno dopo, dicendo che suo marito è coinvolto e che non deve sapere niente.
Lenisco la sua preoccupazione ,dicendo che è una questione che riguarda mia sorella .
Lei mi da appuntamento per le sedici del pomeriggio del giorno dopo e io puntuale mi presento alla sua porta.
Dopo i soliti saluti, vado al dunque e gli racconto della tresca di mia sorella con suo marito. lei trasecola, ascolta e poi mi dice che sono pazzo e che per qualche motivo voglio farle del male; io tiro fuori le foto e buttandole sul tavolino, le dico;
“Si sono pazzo di …e credo che questo sia l’unico modo per farti togliere dalla testa tuo marito e se come hai sempre detto, ti saresti vendicata…“
E lascio cadere la frase.
Lei apre la busta, guarda le foto, sbianca e per un minuto non parla.
Mi guarda e non parla…poi mi dice con un aria decisa;
“Cosa vuoi!”
Io che tremante aspettavo quella domanda, rispondo;
“ Tu”
Lei si alza e mi viene vicino, è vestita con una tuta ma è sempre molto sensuale e mi sussurra;
“Sono qui…fai quello che vuoi”
A quelle parole sento il mio sesso drizzarsi sull’attenti, come se avesse avuto un ordine: la pressione che sento è pari alla mia voglia;
“Cambiati…mettiti qualcosa di sexy e fallo davanti a me”
Lei mi guarda con aria sorpresa per la mia determinazione, vedo passare nei suoi occhi un lampo di soddisfazione e poi mi dice;
“Cosa devo mettermi”
“Quello che pensi che ti stia meglio, col corpo che hai e con la voglia che ho io di te, non rimarrà addosso per molto”
Così lei sparisce in camera e torna poco dopo con della lingerie.
Io mi siedo sul suo divano e la guardo…
Lei con calma si mette davanti a me e delicatamente con movenze sensuali, toglie la tuta rimanendo con uno slip bianco a tanga e reggiseno appropriato, poi, si sfila il reggiseno mostrando un seno veramente ben fatto, (mi viene in mente che forse è rifatto) e aspetto che si tolga lo slip.
Le sue mani scendono ai bordi della stoffa e in un modo che è difficile spiegare a parole, comincia a farlo scendere piano, molto piano…
Vedo subito il suo pelo curato, un piccolo ciuffo chiaro che cerca di coprire una figa estremamente curata.
“Toccati prima di rivestirti”
Lei apre piano le gambe mostrandomi due labbra vaginali gonfie e piano; si accarezza guardandomi negli occhi per vedere la mia reazione: io comincio a spogliarmi e tiro fuori il cazzo duro e, aspetto.
Lei mi vede nudo e spinge le sue dita dentro di se, vedo la sua testa che si butta leggermente indietro, per un attimo chiude gli occhi e poi, la vedo tremare e sento i suoi sospiri.
Non riesco a aspettare che si rimetta i suoi vestiti sexy, allora la prendo per un braccio e violentemente la faccio salire sopra le mie ginocchia serrate, lei allargando le gambe, apre gli occhi e con un sorriso diabolico si lascia andare con tutto il suo splendido corpo a peso morto, lasciandomi senza fiato.
Sento il suo sedere appoggiarsi completamente sulle mie palle e capisco che quel calore che arriva al mio cervello, è la sua figa che mi sta prendendo tutto.
Il piacere sublime che mi trasmette, ogni volta che riparte nel movimento, è indescrivibile: per accentuare il mio piacere, quando arriva in fondo alla mia asta, comincia a roteare il culo e a stringermi le cosce con le sue.
La sensazione di stretto che sento in quek movimento, è inebriante, come l’aumento del mio piacere; quando lei percepisce che sono molto vicino, comincia a aumentare il ritmo e, ben presto sento il mio sperma entrare nel suo corpo, mentre le sue grida mi fanno capire che siamo venuti insieme.
Aspetto che lei finisca di tormentare il mio cazzo, non ho fretta di averla: lei esce e guarda soddisfatta la mia erezione ancora bella e dura .
“Adesso vestiti sexy per me!”
È lei, prende un reggicalze nero e con calma mettendosi a sedere davanti a me, tira su il mio desiderio.
Una volta messo sopra l’ inguine le allacciature, prende le calze e comincia a coprire le sue stupende gambe con quel filo vellutato e, io ipnotizzato, aspetto che finisca.
Prende un perizoma nero, lo fa passare sopra le calze e va a coprire la sua voglia, poi un reggiseno a balconcino che lascia alte le sue tette ma libere e visibili.
“Vieni qui e fammi un bocchino”
Lei si alza e sculettando si mette in ginocchio davanti al mio cazzo e senza dire niente, apre le sue stupende labbra, poi, sento il caldo che accarezza la mia pelle, subito il mio pensiero vola a mia sorella, al pompino che mi ha fatto e comincio a fare confronti.
Barbara è più delicata, non ha fretta e le sue mani sono subito sulle mie palle, inoltre lei gioca anche con il mio culo e mi mette dentro un dito che mi fa spingere il mio sesso ancora più dentro in lei.
Questa volta mi devo ricordare di non venire, voglio il suo culo dopo e, so che dopo che vengo la seconda volta, poi faccio fatica a riprendermi.
Sono deliziato dalla sua lingua e da come mi succhia l’anima, tanto deliziato che mi accorgo troppo tardi che sono vicino al mio piacere, apro gli occhi per fermarla, ma quando vedo il suo sedere che si dimena sotto quel completino che porta, metto le mie mani sulla sua testa e mi lascio andare al mio piacere.
Stringo forte le gambe mentre spruzzo il mio sperma nella sua bocca e vedo che Barbara al contrario di Tatiana, continua imperterrita a leccarmi.
Continua anche dopo che le dico di smettere e continua sino a che per la prima volta in vita mia, ho una terza erezione .
Sono estasiato e felice, capisco che ha bevuto il mio sperma e questo già mi eccita di suo, in più guardarla è veramente delizioso.
Appena sento che sono pronto per lei, la faccio alzare e facendola girare la faccio mettere in ginocchio verso il divano e, aprendole il sedere, vedo il suo piccolo orifizio.
Capisco subito che non sarà difficile entrare in quel tunnel già frequentato, mi metto in ginocchio anche io e metto due dita dentro la sua figa che risulta fradicia, poi uscendo, le metto deciso nel suo sedere e comincio a lubrificarla con i suoi stessi liquidi.
Sento i suoi gemiti mentre mi muovo e i suoi gridolini; vedo che si apre ancora di più e con le mani divarica le natiche, aspettando di essere sodomizzata.
Il perizoma che è al lato della natica, mi eccita un casino, come quel reggicalze e quei seni liberi che vado a stringere nel momento della mia penetrazione anale.
Appoggio la mia cappella e stringendo forte le sue tette, mi spingo deciso dentro: il suo buchino crea un poco di attrito solo all’inizio, poi, la carne si allarga e il gemito accompagna il mio cazzo che va a cercare il suo piacere.
Comincio a scoparla dietro senza ritegno, metto una foga che mi cresce con l’atmosfera; vederla china con quelle chiappe favolosamente aperte, mi fa pensare al culo di mia sorella che ancora non ho avuto e quel pensiero, fa aumentare i miei colpi dentro mia zia barbara.
Lei sospira e non sono sospiri di dolore, vedo una sua mano che si tocca la figa e segue il mio ritmo, il suo sedere si spinge verso di me ogni volta che io spingo verso di lei e questo accresce la penetrazione al massimo: presto percepisco che sto per venire di nuovo.
Mi incurvo al suo corpo, divento una cosa unica con lei e facendola urlare alla stretta dei capezzoli, spargo il poco seme rimasto dentro il suo intestino.
Rimango in quella posizione fino a che non sento il mio cazzo rimpicciolirsi, poi, soddisfatto, esco e vedendo quel culo ancora così aperto, vado con la mia lingua a leccarlo; un paio di slinguazzate dolci per ringraziarla del suo regalo e poi, subito entro nella sua figa per ricambiare il piacere datomi poco tempo prima.
Comincio a leccarla e lei si muove per farsi toccare dove più le piace.
Io eseguo, per dieci minuti mi perdo in lei e nei suoi godimenti che diventano sempre più frequenti.
Ormai è completamente partita, potrei veramente farle quello che voglio, ma adesso sono soddisfatto, ho scaricato le mie voglie su mia zia, mentre il mio obbiettivo è mia sorella Tatiana e il suo culetto, che per ora ho visto e accarezzato ma che ancora non ho provato: Tatiana torna oggi dall’America e io ho bisogno di riposare se voglio essere all’altezza di quello che mi sono prefissato…

Scrivetemi le vostre sensazioni
fantasypervoi@libero.it

COMMENTALA NELLA NOSTRA CHAT PORNO
MAGARI TROVI ANCHE L'AUTORE DELLA STORIA!


Eccitometro (Numero di voti: 110): 7.25 Commenti (18)

Quanto ti ha eccitato questa storia??!!
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10