STORIE PORNO
STORIE PORNO
I migliori racconti porno
amatoriali online!!
Guardarevacanze estivela ragazza delle pulizieil Pubaereoporto di fiumicinola mia ragazza interessa ai miei amiciUltimo TrimestreAlessia
Nick: Password:

Pubblica la tua storia!
CLICCA QUI!!
Iscriviti alla newsletter!



Per ricevere tutte le nuove storie!!

Il primo giorno di lavoro
La mia amica mi ha prestato l’appartamento perché ho trovato un lavoro in città.
Mi sveglio la mattina presto e apro la finestra. Davanti a me c’è un palazzo e un gran bel fico affacciato al balcone. Addosso ho solo il reggiseno e le mutandine, mi guarda e poi mi sorride toccandosi il pacco. Prendo una sedia e l’avvicino alla finestra, mi siedo e comincio ad accarezzarmi delicatamente le grandi tette, tirandole fuori pian piano dal reggiseno. I capezzoli diventano turgidi, me li pizzico, poi mi lecco le dita e ce le passo sopra, facendoli diventare ancora più duri. Li tiro fuori, prima il destro e poi il sinistro. Ho ancora il reggiseno addosso e non ho alcuna intenzione di togliermelo, ma le tette sono completamente fuori e lui è libero di guardarle e di masturbarsi come più gli piace. Si prende in mano il cazzo e comincia a massaggiarselo tra le mani. Io mi accarezzo ancora i seni e mi stringo i capezzoli fino a farmi male mentre allargo le gambe e dal tanga escono i peli della mia figa completamente bagnata. La mano destra scende e mi accarezzo la clitoride con il pollice, mentre il medio mi penetra. È come se non fossi io, come se una forza estranea mi comandasse, mi infilo anche l’indice e mi stantuffo mentre l’uomo mi eiacula davanti. Eccitatissima vengo urlando, lui mi sente, mi guarda e mi sorride.
Rimetto le tette e il tanga a posto, le calze autoreggenti, la camicetta, una gonna molto corta, le scarpe ed esco. Oggi è il mio primo giorno di lavoro ed è iniziato proprio bene.
Prendo l’autobus e nella calca un uomo mi piazza la sua mano sotto la gonna a mi tocca il culo. Mi piace quel contatto e mi bagno vergognosamente, lui lo percepisce e comincia a strusciarsi addosso a me col suo cazzo duro, ma purtroppo devo scendere.
In ufficio il capo mi riceve da dietro la scrivania e mi spiega le mie mansioni. È un bell’uomo e io sono ancora fortemente eccitata. Mi siedo davanti a lui e con disinvoltura mi sbottono la camicetta quel tanto per rendere visibile l’attaccatura delle tette. Vedo che si eccita e comincia a toccarsi, io allargo le gambe e allontano leggermente la sedia in modo che possa vedere il mio tanga e i peli della mia figa che escono, mi aspetto che lui si alzi e mi salti addosso e invece schiaccia un bottone e che fa? Chiama la collega pregandola di venire. La ragazza entra e lui le dice: “pensi lei ad addestrare la signorina”. Rimango stupita, non so cosa mi aspetta ma sono fortemente eccitata. La ragazza mi viene incontro, mi fa alzare e comincia a sbottonarmi la camicetta, poi me la toglie e mi massaggia con delicatezza i seni prorompenti. La lascio fare, provo un piacere incredibile mentre la sua bocca mi succhia il capezzolo destro e la sua mano scivola lentamente sotto la mia gonna.
Mi fa sdraiare sul divano, mi toglie la gonna e il tanga e comincia a leccarmi la figa. Apro le gambe eccitatissima, una donna non mi aveva mai toccata né succhiata prima e devo dire che è una sensazione molto piacevole. Mi succhia la clitoride, mi ficca le dita nella vagina e la sua lingua mi fruga dappertutto. Urlando le vengo in bocca. Si alza il capo, si tira fuori il cazzo e me lo infila nella figa bagnata mentre la mia sensuale collega continua a leccarmi, anzi a leccarci. Lui mi penetra con violenza, mi trafigge e mi squarta con il suo enorme pene mentre godo ripetutamente. Urlo di piacere in un orgasmo senza fine e lui mi schizza addosso tutta la sua sborra. Mi riempie la pancia e i seni e poi si riveste mentre la mia collega pensa a ripulirmi con la lingua.
Sono ancora eccitata, la faccio sdraiare e comincio io a succhiarle i capezzoli, poi le infilo tre dita nella figa bagnatissima. Mentre faccio questo sono in ginocchio e da dietro sento un cazzo che mi penetra nella vagina, mi giro ed è il collega che ho incontrato in ascensore. Anche lui è stato chiamato a godere della mia presenza, mentre il capo ci guarda sorridendo soddisfatto. Lui mi viene sulla schiena, la collega mi viene in bocca e io, ormai solo con il reggiseno addosso, divarico le gambe, mi sdraio sul divano del capo e mi accarezzo la clitoride, poi mi ficco due dita nella figa e vengo vergognosamente, insomma masturbo davanti a tutti.
Come primo giorno di lavoro niente male!

COMMENTALA NELLA NOSTRA CHAT PORNO
MAGARI TROVI ANCHE L'AUTORE DELLA STORIA!


Eccitometro (Numero di voti: 73): 6.42 Commenti (11)

Quanto ti ha eccitato questa storia??!!
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10